Non esiste una strada verso la felicità la felicità è la strada

venerdì 5 luglio 2013

NELLE CITTA' DEL TUFO

3/4 Luglio 2013


primo giorno

Due stupende escursioni in luoghi dove gli Etruschi, e non solo loro, hanno lasciato tracce importanti e spettacolari della loro presenza.
Il primo giorno abbiamo percorso gli antichi sentieri e le stupende Vie Cave che da Pitigliano portano a Sovana centro più piccolo ma sicuramente non meno importante di Sorano e Pitigliano.
Il nostro percorso è iniziato proprio da Pitigliano e ci ha permesso di attraversare il suggestivo e meraviglioso centro storico per scendere attraverso la Via Cava di Poggio Cani in fondo alla valle dove scorre il fiume Lente.







 Si esce dal paese da Porta a Sovana scendendo  questa caratteristica scalinata



                                            L'inizio della via cava di Poggio Cani




                                 Siamo proprio sotto la parte estrema di Pitigliano 

Attraversato il fiume Lente,il percorso riprende in parte lungo il fiume stesso, per poi proseguire per la Via Cava di S.Giuseppe che ci conduce fino ad una strada asfaltata che porta in prossimità di Pian dei Conati da dove scorgiamo la mole del Duomo di Sovana. Percorsa l'ultima Via Cava che porta il nome del luogo (Pian dei Conati),una strada bianca rapidamente ci fa giungere a Sovana nei pressi della Rocca Aldobrandesca. 


Inizio della Via Cava di S.Giuseppe





Le Vie cave chiamate anche "tagliate" sono una creazione ancora poco conosciuta degli Etruschi.
Questi affascinanti percorsi viari,scavati a cielo aperto nelle colline di tufo,non hanno raffronto in altre antiche civiltà e per questo,sono state fatte numerose ipotesi sulla loro reale funzione:canali per convogliare acque piovane dai pianori alle valli,semplici vie di comunicazione,passaggi strategici studiati contro i nemici,sentieri cerimoniali e così via...



                                            Pian dei Conati                                                     
                                                                   



       SOVANA           

                                            La Rocca Aldobrandesca




                                                 Il Duomo romanico

Qui è terminata la nostra prima escursione ed abbiamo fatto ritorno a Pitigliano.

   



4 commenti:

Vera Luiza Vaz ha detto...

Giuliano, penso se não se chega a ouvir antigas vozes a ecoarem por esses antigos caminhos...
Quanta História debaixo dos pés e ao alcance da vista!!
Magnífico!!
Grande abraço!

Sara ha detto...

Splendido! bravo Giuliano!

anna ha detto...

Bravissimo! So per esperienza che non è facile fotografare in certe condizioni di luce, ma le tue foto rendono perfettamente la realtà dell'ambiente. Luoghi estremamente interessanti, speriamo gli sia data, da chi di dovere, l'importanza che si meritano mantenendoli fruibili anche negli anni avvenire.

Patzy ha detto...

Non mi stancherò mai di "camminare" i tuoi articoli, Giuliano! Veramente ben documentato e con eccellenti fotografie! A Dio piacendo, nel 2014, io sarò in questa parte della tua Italia ... Nei miei precedenti viaggi non sono riuscita a visitare le province di Grosseto e Viterbo ... così che Pitigliano, Sovana e Sorano sono tra le mie mete scelte. Nel frattempo, i tuoi post sono sempre molto interessanti per me! Grande abbraccio!